} $(window).on("scroll touchmove", function() { $("#cc-cookies").css({"position": "relative"}, $(document).scrollTop() > 32); }); Provincia di Oristano | SS. 292 dalla 131 al Ponte del Rimedio, consegnati i lavori
Logo della Provincia di Oristano

Provincia di Oristano - sito web ufficiale

SS. 292 dalla 131 al Ponte del Rimedio, consegnati i lavori

07/11/2013  -  Tematiche: Viabilità

Oggi, venerdì 7 novembre 2013, la Provincia ha consegnato formalmente i lavori relativi all'adeguamento della SS. 292, nel tratto compreso tra la strada SS. 131 ed il ponte del Rimedio.
A comunicarlo è l’assessore ai lavori Pubblici e Viabilità della Provincia, Gianni Pia, soddisfatto per un obiettivo raggiunto a pochissimo intervallo di tempo dalla sottoscrizione del contratto.
Nel luogo dove dovranno essere eseguiti i lavori, l’ing. Marco Manai, assistito dal geom.. Pasquale Castangia dell’Ufficio Tecnico Viabilità della Provincia hanno consegnato i lavori al procuratore, ing. Giampiero Cataldo, in rappresentanza dell’Associazione Temporanea di Imprese che si è aggiudicato l’appalto, composta da ITER soc. cooperativa di Lugo (RA) e la SO.GE.LA di Cagliari.
Nei prossimi giorni, l'impresa dovrà presentare un programma dettagliato in merito all'esecuzione delle opere, che dovrebbero essere eseguite in 900 giorni.
La strada verrà allargata per tutta la sua lunghezza, con doppia corsia, cinque rotonde con collegamento ad altre strade provinciali e comunali, marciapiedi con pista ciclabile lungo tutto lo sviluppo dell’asse viario, lungo il quale verrà predisposto anche l’impianto di illuminazione, con diversi sottopassi all’altezza dei cimiteri delle frazioni.
“La consegna dei lavori conclude l’iter burocratico – è il commento dell'assessore Gianni Pia – ora si potrà procedere con l’effettivo avvio dei rilievi e del cantiere, per la realizzazione di un’opera più funzionale e sicura, transitata giornalmente da migliaia di auto. Di fatto è il più importante ingresso Nord ad Oristano e costituisce una valida e concreta risposta alle attese delle popolazioni del territorio, che da molti anni, ne attendono la costruzione.